Imu 2020

NEWS

Con la deliberazione della Gm n. 43/2020 l’Amministrazione Comunale ha previsto, accanto alle esenzioni sulla prima rata, previste nel Decreto “Rilancio” le seguenti ulteriori AGEVOLAZIONI nei pagamenti:

  • per tutte le altre attività economiche non direttamente interessate dal provvedimento legislativo summenzionato che risultano possessori qualificati degli immobili dove esercitano la propria attività, che hanno chiuso o sospeso la propria attività e abbiano altresì subito una riduzione del fatturato di almeno il 30% nel corso del periodo dal 01/03/2020  al  30/06/2020 rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente;
  • per i proprietari di immobili regolarmente  locati per l’esercizio delle attività economiche che non abbiano percepito alcun canone di affitto a decorrere dal mese di marzo 2020

N.B. La RIS. n. 5 del MEF esclude la possibilità di prorogare la quota IMU statale. Pur nella incertezza di tale interpretazione SI RACCOMANDA DI VERSARE L’EVENTUALE QUOTA STATALE NEI TERMINI PREVISTI oppure di utilizzare il meccanismo ordinario del Ravvedimento operoso che i soggetti passivi, come più sopra evidenziati, potranno procedere al versamento della prima rata (senza ulteriori sanzioni ed interessi) entro il 31/10/2020 presentando entro e non oltre la stessa data idonea autocertificazione ai sensi di legge, su modello reso disponibile sul sito internet istituzionale, al protocollo del comune di Otricoli

scarica il modulo da compialre: MODULO_IMU_2020_PAGAMENTO_PRIMA_RATA_AUTOCERT

—————–

Con la legge 27 dicembre 2019, n. 160, è stata abrogata la TASI ed istituita la nuova IMU che accorpa la precedente TASI.
Quindi, la NUOVA IMU ricomprende IMU+TASI. L’imposta è interamente in capo al proprietario o titolare di altri diritti reali di godimento, il concessionario di aree demaniali e il locatario di immobili in leasing.
Nella nuova IMU sono invariati i moltiplicatori e il metodo di calcolo della base imponibile. “Per i fabbricati iscritti in catasto, il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutate del 5 per cento i seguenti moltiplicatori:

  1. a) 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;
  2. b) 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
  3. c)80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale  D/5;
  4. d)80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10;
  5. e) 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;
  6. f) 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1”.

Resta confermata l’esenzione per le abitazioni principali non di lusso (categorie catastali dalla A2 alla A7) e pertinenze (C6, C2, C7 fino alla concorrenza di una per tipologia catastale).
Sono state in gran parte riconfermate le tipologie di abitazioni assimilabili ad abitazione principale con una eccezione importante che riguarda i pensionati AIRE i quali non beneficiano più dell’esenzione per l’abitazione posseduta in Italia.

SCADENZE IMU 2020
Solo per il 2020 l’acconto dovrà essere uguale al 50% di quanto versato nel 2019 per IMU e TASI ( in tutti i casi in cui lo stato patrimoniale attuale del contibuente sia invariato rispetto a quello dello scorso anno).

Le scadenze per la nuova IMU sono disciplinate dalla normativa di riferimento Articolo 1, comma 762, Legge 27 dicembre 2019, n. 160.

ACCONTO 16 Giugno 2020
SALDO 16 Dicembre 2020

A SALDO IL CONTRIBUENTE DOVRA’ CONGUAGLIARE CON LE ALIQUOTE DELIBERATE DAL COMUNE ENTRO IL 31/07/2020.

CODICI PER F24 SEZIONE EL_ CODICE ENTE : G189
CODICI TRIBUTO

3912 “IMU” “ abitazione principale e relative pertinenze – COMUNE
3916 “IMU”     aree fabbricabili –  COMUNE
3918 “IMU”     altri fabbricati – COMUNE
3935 “IMU”   immobili uso produttivo cat D – STATO
3930 “IMU”  immobli uso produttivo cat D – INCREMENTO COMUNE